Lifestyle

Glucomannano e Konjac: Cosa Sono e Benefici

Una radice molto antica, usata soprattutto nei paesi asiatici , che recentemente è entrata anche nelle cucine occidentali è il konjac. Conosciuta anche come patata di konjac o lingua del diavolo, è utilizzata soprattutto per una tipologia di pasta, i shirataki. Una delle sue caratteristiche principali è quella di essere gluten free e avere un apporto calorico molto ridotto.

Cos’è Il Konjac

Il konjac è un tubero con il quale si possono ottenere due preparazioni: una gelatina che viene usata come addensante e una pasta light. Come addensante è molto usato, ad esempio, nelle caramelle, dove viene denominato con la sigla E425. La pasta, detta shirataki di konjac, viene invece ricavata dalla radice essiccata e poi ridotta in polvere: si presenta sotto forma di spaghetti molti simile ai noodles.

Proprietà Nutrizionali Dell’Konjac

Il konjac è un alimento dalle molte proprietà. La radice  è composta soprattutto da acqua e glucomannano, un polisaccaride idrosolubile ricavato dalla radice della pianta che contiene ben 16 tipi di aminoacidi.

Inoltre:

  • è ricca di fibre ed ha un elevato potere saziante. Il glucomannano, infatti, quando è a contatto con l’acqua, è in grado di aumentare il suo volume del 60-80%. Grazie alle fibre, inoltre, favorisce il buon funzionamento dell’intestino;
  • è una fonte di sali minerali importanti come ferro, calcio, fosforo, zinco, cromo e rame;
  • è in grado di ridurre il colesterolo e viene utilizzata spesso nei casi di sovrappeso;
  • è un alimento ideale per chi è intollerante al glutine ed è consigliata anche a chi vuole ridurre l’apporto di carboidrati, pur continuando ad assumere i sali minerali;

I Benefici Del Glucomannano

Exante ha pensato a te! Non ti perdere i benefici del glucomannano grazie a questa fantastica e dissetante bevanda ricca di proprietà…
Oltre alla  caratterizzata attività lassativa, evidentemente causata dall’assunzione di liquidi, recenti studi hanno associato al glucomannano ulteriori proprietà preziose per l’organismo umano.
L’integrazione giornaliera con 1 g di glucomannano in donne obese, avrebbe contribuito a determinare un abbassamento significativo delle concentrazioni ematiche di colesterolo, riducendo pertanto il rischio cardiovascolare. Un’attività positiva si sarebbe osservata anche per la glicemia a digiuno.Il glucomannano ha alta viscosità fra tutte le fibre dietetiche conosciute e possiede la capacità di attirare molta acqua, dando origine a una soffice massa gelatinosa, conferendo alla pianta proprietà dimagrante e saziante.In presenza di liquidi, infatti, il glucomannano genera un gel, capace di aumentare il proprio volume 60 volte circa, rispetto a quello della sua forma secca; se poi l’ambiente è acido raggiunge la sua massima espansione, fino a 80-100 volte, producendo un senso di pienezza e sazietà. Pertanto nello stomaco dopo 15 minuti dall’assunzione, la fibra inizia a gonfiarsi. Dopo circa 60 minuti arriva al massimo valore, grazie alla presenza dei succhi gastrici, e qui rimane per circa due ore, svolgendo l’azione anti-fame.Il glucomannano, in quanto fibra, contrasta l’assorbimento dei grassi e rallenta quello degli zuccheri. Per questa proprietà, pertanto, è indicato ai soggetti in sovrappeso che si trovano in un regime alimentare dietetico.*Ad ogni modo è sempre altamente consigliato di consultare il proprio medico.E per la tua calda estate, l’idratazione è sempre fondamentale per una pelle sempre al top e per depurare l’organismo..e perchè no?! Anche per combattere l’odiatissima pelle a buccia d’arancia!

Aiutati con i nostri Burst!



Lucia De Stefano

Lucia De Stefano

Scrittore ed esperto